Passeggiare tra tautogrammi, monumenti e quartieri popolari

Chi passeggia per le strade di Roma, come in molte altre città, intercetta spesso artisti e intrattenitori che si mescolano ai venditori (più o meno regolari) e agli imbonitori di vario genere. I primi, a differenza degli altri, mirano il più delle volte a incuriosire e divertire i passanti, senza necessariamente aspettarsi un obolo da parte loro. Divulgano la loro arte e le loro abilità soprattutto perché ci credono fermamente.

Ho incontrato Walter Lazzarin che in questo senso è una delle figure più sorprendenti. Lui crea TAUTOGRAMMI. La parola deriva dal greco (significa stessa lettera) e consiste in un componimento le cui parole iniziano tutte con la stessa lettera e dove non ci sono articoli. Era oggetto di esercitazioni poetiche nel Medioevo tra i monaci che adottavano il latino, e in seguito anche il volgare.

Walter si è laureato in Economia aziendale a Bologna e poi si è preso un anno sabbatico per girare tutta L’Europa. Durante quel periodo ha maturato la decisione di iscriversi a Filosofia, che ha frequentato a Padova, e di insegnare Storia e Filosofia, cosa che ha fatto per quattro anni. Dopo l’esperienza da docente ha pensato a un progetto che riunisse le sue due più grandi passioni, ovvero la scrittura e i viaggi. Da questa riflessione è nato il progetto di ‘scrittore per strada’.

Dal 2015 al 2016 ha girato l’Italia per dodici mesi, si è fermato in circa ottanta città e ha prodotto tautogrammi. Grazie a quest’esperienza ‘on the road’ e ai contatti che ne sono derivati, da essa come dalle pubblicazioni sui social network, è stato notato da importanti testate giornalistiche e invitato in alcuni programmi Rai. Il vero colpo di fortuna è stato conoscere un giornalista di Rai Sport che l’ha voluto per un anno nella trasmissione Dribbling a leggere i suoi originali piccoli grandi componimenti. Così nel 2016 arriva a Roma, e qui rimane.

 

La tradizione di questo tipo di scrittura annovera almeno un italiano, tra quelli più famosi, tale Cieco d’Adria vissuto nel 1500. Poi è andata un po’ a perdersi fino ai giorni nostri, quando è stata rispolverata dal semiologo Umberto Eco. Quando Walter comincia a sfornare i suoi primi componimenti, nel 2011 (poi raccolti in un libro pubblicato l’anno successivo), si guarda intorno e si rende conto che la qualità dei tautogrammi pubblicati da altri autori è abbastanza scarsa. Non accetta il compromesso dell’inesattezza linguistica e grammaticale per il semplice rispetto delle regole che normano questo genere. Ritiene anzi che il valore di queste opere sia proprio nella correttezza della lingua italiana esente da forzature. E questo è il suo impegno, mettendosi a disposizione nelle strade della Capitale.

Perché scegliere di fermarsi proprio a Roma? È una città dove puoi trovare tutto, e non solo per le sue dimensioni. Convoglia come un magnete le più variegate realtà sociali e umane, artistiche e culturali. Certo è una città dispersiva, richiede tanto tempo ed energia, e forse avrebbe bisogno di un cambio di mentalità. Lui auspica una città con molte zone riservate ai pedoni, dove l’uso del mezzo privato sia disincentivato a favore dei mezzi pubblici, dove i quartieri possano vivere in maniera diversa. Quello che comunque lo ha maggiormente convinto a restare sono le persone che qui si dimostrano cordiali, aperte e calorose.

 

“La scrittura ti dà modo di sviluppare il più possibile quello che hai dentro. Una volta che hai messo su carta (o video, n.d.r.) i pensieri e le storie, puoi andare oltre. Se non scrivi, difficilmente puoi costruire castelli molto grandi, perché ogni volta devi ripartire da zero. La scrittura è un mezzo per crescere continuamente, evolversi ed espandersi”

Walter Lazzarin sceglie un posto in cui fermarsi (una strada, un ponte, una piazza), stende un telo su cui espone i suoi libri, apre il trolley a mo’ di scrivania e vi appoggia sopra la macchina da scrivere. Quindi aspetta che qualcuno si fermi e gli chieda cosa sta facendo. Ecco, questo è un modo per collegarsi direttamente, in tempo reale, a chi legge o ascolta la lettura di ciò che egli ha scritto. Così ha modo di cogliere la reazione genuina e valutare quello che ha fatto. Il vantaggio dell’utilizzare il tautogramma sta nel fatto che la gente non se lo aspetta, e quindi alla sorpresa segue l’applauso spontaneo o l’interesse immediato.

L’esperienza non è sempre uguale, anche all’interno della stessa città. I quartieri sono molto diversi gli uni dagli altri, anche le strade nell’ambito del medesimo quartiere (larghe, strette, trafficate o tranquille) e tutto ciò induce nelle persone comportamenti diversi. Nei quartieri più popolari i passanti spesso lo vedono come un mendicante, in quelli più facoltosi c’è più cultura e la tendenza a fermarsi per capire cosa stia facendo. Per questo Walter predilige quartieri poco turistici ma abitati o frequentati da chi può essere attratto dalla sua realtà.

L’intento, sia chiaro, è quello di avvicinare più persone possibili, a prescindere dalla cultura, dalle tradizioni (e anche dalle religioni) che sempre costringono entro certi confini. Il tautogramma è un ottimo tramite, ma dopotutto lo è la scrittura in genere.

“In questo periodo si scrive tanto, anche chi usa i social network si è reso conto che non basta buttare giù qualche parola, ma occorre creare storie, contenuti che inducano emozioni e reazioni negli altri. In questo la scrittura è superiore, è alla base anche delle altre modalità espressive. Basti pensare alla musica rap/hip hop dove il testo ha molta più importanza rispetto alla musica”

Scrivere e farsi ascoltare, chissà che Walter in questo senso non ci riservi delle sorprese, arrivando magari a sintetizzare un incontro tra musica rap e tautogrammi.

Rifletto su una cosa che mi racconta Walter, di persone che girano per Roma e appendono volantini con piccole poesie in romanesco. Come per tutte quelle scritte sui muri che non sono opera di vandali, mi viene da pensare a una tradizione tipicamente romana che probabilmente ebbe inizio con le cosiddette ‘pasquinate’. Fra il XVI e il XIX secolo si usava pubblicare anonimamente, presso la statua di Pasquino, componimenti satirici in versi per sbeffeggiare il più delle volte l’autorità costituita.

Walter e i suoi tautogrammi, la sua figura di ‘scrittore per strada’, si inscrivono benissimo in quest’atmosfera di comunicazione che travalica i confini della carta stampata e del video. Parole che si connettono con le persone le quali interagiscono spontaneamente, in una modalità che entra a far parte del tessuto sociale della città.

È un circolo virtuoso tutto particolare, uno dei vari volti della cultura che a quanto pare è di casa a Roma. Dalla parola al cittadino, fioriscono le emozioni.

Roberto Fustini

Ig @fustinir Fb Roberto Fustini scrittore

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI DEL BLOG

The Nasone , the fountains of Rome

THE NASONE , the fountains of Rome  Nasone is the street name, fontanella is the “formal” name.   This is the name of the public fountains made of cast iron that are spread all over the city, from downtown to the perimeter of the city. The name comes from the shape of the tap that looks like a [...]

What can I do with my children in Rome?

What can I do with my children in Rome? Villa Borghese. Head to this gigantic park for the green space and the zoo. In addition, kids can pedal a bike or go-kart, or take a ride on the Bioparco Express train (Web site: http://www.bioparco.it/english/) which circumnavigates the zoo. The Villa Borghese’s museum, the Galleria Borghese, [...]

Rome Pride 2022

Rome is one of Europe’s great cities and the annual gay pride festivities are truly spectacular. The Eternal City includes a lively parade and plenty of celebrations. Despite being home to the Vatican, there is no stopping this event which has been running since 1994. The first World Pride took place in Rome in 2000 [...]

Il potere delle recensioni

Ebbene sì, il destino di un alloggio turistico è determinato dalla sua reputazione online: dalle opinioni degli ospiti nei social network, nei blogs e soprattutto nei portali dedicati alle recensioni. Chi si affida alle recensioni cerca resoconti di esperienze, possibilmente oggettive ed approfondite.  Ma cosa guardano in particolar modo gli ospiti che devono scegliere un [...]

E tu che viaggiatore sei?

Indipendentemente dal tipo di alloggio che fornisci è probabile che tu abbia incontrato un'ampia varietà di viaggiatori con una gamma ancora più ampia di desideri ed esigenze che possono essere una vera sfida da gestire.  Di seguito definiamo alcune tipologie di ospiti e alcuni consigli su come prepararti ad ospitarli! Family travelers: amano trascorrere del [...]

The Customer Experience: alcuni semplici consigli per migliorare l’esperienza del tuo ospite.

Le aspettative degli ospiti sono un obiettivo mobile. Per poterlo centrare, i Property managers devono sempre aggiornare le loro offerte e i loro servizi. E sì, alcuni aggiornamenti richiedono mesi per essere completati e hanno generalmente costi elevati.    Tuttavia esistono anche correzioni veloci con un budget limitato. Quindi, anche se al momento non sei in [...]

😉 Anche il mio attico!!!!

Finalmente la firma!!!   Finisce cosi la prima mini-serie di corti prodotti da Stay in Rome apartments nella quale abbiamo seguito questa coppia di proprietari indecisi trovare finalmente la soluzione più redditizia per la locazione del loro appartemento in centro a Roma…e finalmente possono stare SENZA PENSIERI!!!   ✋ E’ importante valutare bene a chi […]

😉 Ecco la soluzione!!!!

In una delle piazze più belle del mondo, nel centro di Roma, di fronte al Pantheon, la coppia più famosa del nostro sito web ci propone finalmente la soluzione….   ✋ E’ importante valutare bene a chi affidare il proprio immobile….  

😉 Si può fare!!!!

Durante la colazione mattutina, dopo una notte insonne, il giovane Raimondo rivela la sua grande scoperta…   ✋ E’ importante valutare bene a chi affidare il proprio immobile….  

Buona Pasqua in tutte le lingue del mondo!

Vuoi sapere come si dice Buona Pasqua in tutte le lingue del mondo?   Sei arrivato nel posto giusto.   Permettici prima di augurarti Buona Pasqua da parte di tutto lo staff di Stay in Rome Apartments. Happy Easter (Inglese) Joyeuses Paques (Francese) Καλό Πάσχα (Greco) BuonaPasqua(Italiano) Frohe Ostern (Tedesco) Feliz Pascua  oppure ¡Felices Pascuas  [...]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.